Progetto AEneas

Il volontariato deve essere in mezzo alla gente, ne deve cogliere i bisogni e prodigarsi per soddisfarli. Spesso il volontario sostituisce i servizi che lo Stato dovrebbe erogare, ma non riesce perché mancano le risorse. I Volontari del Soccorso di Donnas sono sempre all'erta per partire con entusiasmo per nuove imprese a fianco della gente. Per questo motivo è nato il progetto Aeneas, dedicato al trasporto e all'accompagnamento di persone che hanno bisogno di recarsi presso strutture di cura o di diagnosi.

L'istinto porta l'immaginazione a far vedere l'anziano, magari solo, salire a fatica sul mezzo dei Volontari, ma la situazione economica attuale ha portato nell'indigenza molti giovani che hanno difficoltà anche a pagarsi un viaggio. Quindi ci si rivolge a diverse realtà, che hanno avuto la forza di chiedere aiuto.

Come funziona Aeneas? La richiesta è filtrata dallo Sportello Sociale e da altre realtà del territorio come la Caritas che vagliano le esigenze. Noi mettiamo a disposizione il mezzo e i volontari che, oltre al viaggio, accompagnano materialmente la persona nelle strutture, dedicando molto tempo ad ogni singolo servizio.

La sera che abbiamo presentato il progetto, un giornalista ci disse: «Ottima idea! Temo avrete un grande successo». Aveva ragione, infatti i nostri volontari sono impegnati praticamente tutti i giorni e la nostra Fiat Sedici macina km su km. Fornire dati e grafici è doveroso, infatti tutto è finanziato dal 5‰, ma dietro ogni singolo numero è nascosta una storia, un rapporto di amicizia che si instaura, e soprattutto ci sono le persone.